10 trucchi per risparmiare benzina

Anche dopo l’avvento delle comodissime e sofisticatissime auto ibride ed economici  impianti a metano e gas, la benzina resta tutt’ora uno dei beni di maggior consumo in tutto il mondo. Tutti i nostri lettori che posseggono almeno un mezzo di trasporto, possono confermarlo.

A parte scioperare e bloccare gli autotrasportatori per qualche giorno, quali rimedi possiamo escogitare per limitare i consumi di carburante nelle nostre auto e far abbassare un pò i prezzi? Eccovi dieci consigli sicuri.

1- Evitate le brusche accelerazioni.
La guida sportiva sarà anche divertente, ma comporta un maggiore consumo di combustibile (sia esso benzina o gasolio) perché costringe il motore a risposte pronte e prestazioni elevate. Una guida regolare fa risparmiare parecchio carburante.

2- Moderate la velocità di crociera.
Una volta ridotte le accelerazioni e raggiunta una velocità costante, anche la velocità media in chilometri orari influirà sul consumo di benzina. «Lo stesso tratto di autostrada percorso a 90 anziché a 120 chilometri orari farà risparmiare combustibile. A velocità elevate, infatti, aumentano notevolmente le resistenze aerodinamiche e quindi il consumo».

3- Spegnete il motore durante le soste prolungate.
«Spegnere il motore durante un carico-scarico o una sosta, in generale nelle fermate di mezzo minuto o più, comporta un certo risparmio».

4- Attenzione al climatizzatore.
«Il condizionamento dell’abitacolo è responsabile del consumo di un piccolo surplus di energia. Il ciclo frigorifero infatti assorbe l’energia elettrica prodotta a bordo dal motore». Quando raggiungete la temperatura desiderata, quindi, spegnete l’impianto di raffreddamento/riscaldamento per evitare di richiedere al motore un lavoro extra.

5- Chiudete i finestrini.
Con i finestrini aperti si avrà una maggiore resistenza aerodinamica all’avanzamento del veicolo. Chiudendoli, l’aerodinamica migliora.

6- Controllate la pressione degli pneumatici.
«Le gomme sgonfie comportano una maggiore superficie di contatto tra la gomma e l’asfalto. Durante il rotolamento su strada, quindi, la ruota determinerà una maggiore resistenza».

7- Non andate “su di giri”.
Meglio inserire una marcia più alta anziché “tirare” il motore con una marcia più bassa. A regimi più alti peggiora il rendimento meccanico del motore meglio mantenersi nel campo dei regimi medio bassi

8- Rinunciate ai carichi superflui.
Appesantire l’automobile con più passeggeri è un conto (meglio riempire una macchina sola che utilizzarne due), trasformare il bagagliaio in un ripostiglio di oggetti inutilizzati è un altro. Durante i transitori, come per esempio in fase di accelerazione, un veicolo a pieno carico consuma di più perché si richiede al motore un’elevata prestazione, mentre poco cambia a velocità costante.

9- Ibrido è meglio.
L’uso di veicoli ibridi di vario genere, che prevedano un motore elettrico oltre a quello a combustione interna, è una scelta oculata nell’ottica del risparmio di carburante. Il motore elettrico si comporta sia come motore vero e proprio, lavorando in parallelo con il motore a combustione termico, sia come generatore di corrente. In tal caso è in grado di effettuare la cosiddetta frenata rigenerativa, rallentando il veicolo e convertendo la sua energia cinetica in elettricità, che può poi essere riutilizzata a bordo. Il motore elettrico si comporta cioè come generatore, in un modo analogo a quello che avviene con la dinamo delle biciclette. Questo sistema consente una riduzione di consumi che va dal 5 all’8%».

10- Lasciate l’auto in garage.
Sembrerà scontato, ma il risparmio maggiore si ha rinunciando alle quattro ruote a favore di una camminata, di un giro in bici o in metropolitana. Ridurre l’uso del veicolo è il consiglio migliore che possiamo dare e senza dubbio la via di risparmio più efficace. Ciò che fa meglio all’ambiente, in altre parole, gratifica anche il nostro portafogli.

Share Button
  • high price gaz 2

Comments are closed.