Amore e psicologia: i segnali per capire se tra voi è davvero finita

Esiste un test per capire se è davvero finita? No, ma ci sono sicuramente dei sintomi.

Ci state provando da tempo, ma le cose tra di voi continuano a non funzionare. Eppure ci sono coppie che continuano a stare insieme per tutta la vita, nonostante i problemi. Questo vi porta a pensare che forse, anche per voi, non è ancora arrivato il momento di dirsi addio. Ma se non fosse così? E quanto è giusto soffrire per amore?

Quali sono i sintomi di un amore finito? Come si fa a capire se è finta per sempre o se esiste ancora un modo per recuperare una relazione? La verità è che prima di prendere qualsiasi decisione è bene fermarsi un attimo a riflettere sul modo in cui vanno le cose e sulla direzione nella quale si sta procedendo. La psicologia in amore è

Come capire se una storia sta finendo
Non occorre attendere che si trasformi in una malattia d’amore o che si generi una situazione di amore non corrisposto, nel quale uno dei due partner non è più coinvolto, chissà da quanto tempo. Ci sono coppie sposate che non mettono mai in dubbio il loro legame, anche di fronte alle maggiori evidenze, che non si sono mai interrogate su “Come capire quando un matrimonio è finito”.

I peggiori traumi d’amore, però, derivano da situazioni nelle quali non si prendono decisioni, si va avanti per inerzia, in balia degli eventi, lasciando che sia il tempo a decidere al posto nostro. Ci si dovrebbero, invece, porre delle domande alla quali dare risposte concrete: se è giunta l’ora di darci un taglio, è meglio non aspettare che la ferita diventi troppo profonda.

Quali sono i sintomi di un amore finito
Parlare non serve più a niente: i problemi di comunicazione con l’altro si sono fatti sempre più grandi e ogni tentativo di metterci letteralmente una pezza si risolve con uno strappo più ampio. Molte coppie si rivolgono, a questo punto, alla terapia di coppia, ma i risultati non sono sempre garantiti.

Ci sono altri campanelli d’allarme che dovrebbero far pensare a una crisi in una relazione, per esempio: la mancanza di desideri comuni, di obiettivi condivisi, di momenti nei quali ci si sente nel posto giusto con la persona giusta; l’essere perennemente arrabbiati con l’altro, scoppiare al minimo episodio di contrasto, essere contrariati su tutto, criticare l’altra persona per ogni cosa che fa; iniziare a dubitare che la persona con la quale si sta insieme sia quella giusta, perché inizia a non essere attenta ai nostri bisogni, alle nostre richieste e alle nostre aspettative; l’intimità di coppia inizia a mancare. Si affievoliscono i baci, le carezze e le effusioni, sintomo di una connessione forte fra i partner.

Il sesso diventa quasi un miraggio e a quel punto, guardarsi intorno e consolarsi come non si dovrebbe, diventa lo strapiombo in cui molti scivolano.

Share Button

Comments are closed.