Casa trasformata in droga market, marito e moglie condannati

La Cassazione conferma la pena di 3 anni ed 8 mesi per entrambi i coniugi

Nessuna attenuante. La Corte di Cassazione ha confermato la condanna per marito e moglie di San Marcellino, accusati di spaccio di sostanze stupefacenti.

I giudici della Suprema Corte hanno dichiarato inammissibile il ricorso presentato dai difensori per il mancato riconoscimento della lieve entità del fatto e confermato la condanna a 3 anni e 8 mesi di reclusione a testa per Angelo M., di 42 anni, e Nicolina T., di 39 anni originaria di Frignano.

I due, secondo l’accusa che ha retto nei diversi gradi di giudizio, sono stati condannati per la detenzione di 11 dosi di cocaina e per la cessione a 6 diversi acquirenti. Nella loro abitazione, quando scattò il blitz, i carabinieri trovarono anche circa 440 euro ritenute provento dello spaccio,

  • casaluce-spaccio-droga

Comments are closed.