Il Mattino FRIGNANO
Frignano comune dissestato gra­zie all’operazione verità. La noti­zia, nell’aria da tempo già profetizzata nel 2019 dall’attuale sinda­co Lucio Santarpia, all’epoca leader dell’opposizione.

La situazione finanziaria è cri­tica ha dichiarato in consiglio il primo cittadino  ed era nota da tempo e sepravamo che potesse essere evitata, mettendo in essere i provvedimenti , da noi in passato suggeriti e mai applicati.

In occa­sione dell’approvazione del bilancio consultivo 2021, approvato solo pochi giorni fa, ho ripercorso ed elencato, brevemente, tutte quelle criticità che, anche nella veste di consigliere dell”opposizione, ho avuto modo di evidenziare nel corso di questi anni.­

Avevo ribadito ha continua­to Santarpia che già dall’eserci­zio 2019, la struttura economi­co finanziaria dell’Ente appari­va, in modo evidente strutturalmente squilibrata e minata da una serie di criticità: la presenza di un pesante contenzioso legale che, quasi sicuramente, vedrà soccombente il comune; una ottimistica quantificazione del fondo crediti di dubbia esigibilità; la emersione periodica e sistematica di debiti fuori bilancio con conseguenti pignoramenti; una oramai cronica difficoltà di gestione dei tributi comunali; una storica incapacità di riscossione di questi stessi tributi.

Era, quin­di, emerso conclude il sindaco un disavanzo totale di oltre 9 mi­lioni e 300mila euro, mentre quello di co1npetenza del solo esercizio 2021 era di oltre 4 Milioni

Già allora manifestai continua il sidaco, forti perplessità circa la capacità del comune di Frignano di poter ripianare, in un breve lasso di tempo, il deficit.
Le difficolta del nostro comune sono ben note e non si risolvono omettendo o occultando le relative informazioni.

Dall’analisi accurata da essi eseguita, conclude il primo cittadino, non vi è stata la possibilità di redigere un bilancio di previsione che riuscisse a dare copertura alle esigenze finanziarie minime dell’ente e, contemporaneamente, a ripianare il deficit pregresso, sia pure in quota parte.

Allora la strada è stata una sola: la dichiarazione del dissesto finanziario che dovrà rappresentare l’inizio del vero e definitivo risanamento finanziario del nostro comune.

Con la Maggioranza compatta ha votato anche Enzo Natale, candidato sindaco della lista Adesso Noi, di cui fa parte anche il consigliere Simonelli che, invece ha votato contro il dissesto senza motivare.

Voto contrario anche di Antonio Mastroianni, presente nella precedente amministrazione, che ha criticato la decisione ritenendola evitabile.