Frignano: Sindaco deludente, nomina nuova giunta

Il gruppo consiliare “Frignano nel cuore” inviò al sindaco il giorno 11/02/2019 una richiesta di revoca del decreto sindacale n. 2 del 30/01/2019 col quale questi aveva nominato la giunta senza rispettare la quota pari al 40% di rappresentanza femminile, equivalente per il Comune di Frignano alla presenza di due donne nell’organo esecutivo al posto di una sola inserita.

In pari data, il mancato rispetto della vigente normativa in materia di parità di genere nella composizione della giunta fu segnalato alla Prefettura di Caserta. Questa con nota del 22/02/2019 prot. 18903 invitava il sindaco “ad assumere ogni utile iniziativa volta a garantire la rappresentanza di genere in seno all’organo esecutivo di codesto Comune”. Numerosi sono state le continue sollecitazioni al sindaco, alle quali ha dato sempre risposte affermative di una imminente modifica della giunta. L’ultimo ulteriore invito a provvedere in merito è stato rivolto nel consiglio comunale del 25/07/2019 al quale il sindaco diede la seguente risposta riportata per iscritto nella relativa delibera n. 23 “Provvederemo dopo la pausa estiva”.

Ebbene, dobbiamo constatare che il sindaco non ha mantenuto il suo impegno, perché invece di modificare la giunta precedente ne ha nominata una nuova con il decreto sindacale n. 45 del 30/09/2019, sempre senza rispettare la parità di genere cioè con una sola donna.
Caro sindaco, ci dispiace molto ma siamo costretti a rinfacciarti che non hai rispettato il tuo impegno.

Le promesse vanno mantenute specialmente quando si ricopre una carica istituzionale. Un tempo la parola di un uomo valeva quanto la sua firma. Qualora questa non si mantiene si perde la fiducia, la credibilità e il rispetto, pregiudicando il rapporto nelle relazioni interpersonali di qualsiasi genere. Le promesse rispettate portano amici ma quelle non mantenute li trasformano in nemici (B. Franklin).

Ti chiediamo, ancora una volta, di ripristinare la legalità, al fine anche di allontanare da te il sospetto, che hai agito, secondo il chiachiericcio popolare, per una vendetta politica contro la tua consigliera di maggioranza, disponibile all’incarico.

Ci rifiutiamo di credere che ciò sia vero, perché se cosi fosse, sarebbe un atto gravissimo, puerile e antidemocratico da condannare con fermezza.

Associazione “Frignano nel cuore”
I Consiglieri di minoranza

Comments are closed.