UP: Il braccialetto che monitorizza la nostra forma fisica e il sonno

UP: IL PERSONAL TRAINER DA POLSO

Questa volta ci troviamo in California per parlarvi di un altro gadget eccezionale, pratico e funzionale allo stesso tempo, che ha già conquistato la maggior parte degli americani amanti dello sport e della vita salutare.

Si chiama Up, è una combinazione diabolica tra un braccialetto e un’ applicazione per smartphone per monitorare cibo, forma fisica e sonno. Il rischio è entrare in “loop” (ripetersi), vivere per misurarsi e non lasciarsi andare. Non solo alla Jawbone ne sono consapevoli, ci puntano proprio.

Avreste mai immaginato che un semplice braccialetto potesse, allo stesso tempo, svolgere così tanti compiti, ad esempio: sveglia, raccolta dati, foto alla colazione, attività fisica, lavoro, avviso anti pigrizia, pranzo, movimento, “riposino”, analisi delle calorie della cena, sincronizzazione dei dati, statistica e attivazione della modalità riposo.

Per la prima volta viene infatti presentato un “pacchetto” che ha l’ambizione di tenere insieme tantissimi parametri. Il braccialetto è alimentato dal motore brevettato di MotionX, il cuore è un sensore di movimento (accelerometro a tre assi) che registra tutte le attività fisiche quotidiane e il sonno. Non sono previsti rilevatori di pressione o di temperatura (ed è una limitazione non da poco), si registra solo il movimento meccanico del polso (il sistema si può cos’ ingannare) ma in prospettiva, fanno sapere dall’azienda californiana, verranno montati anche altri tipi di sensori.

Le operazioni da compiere sono molte. Cibi e bevande vengono registrati scattando foto o cercando in un database che in una logica di crowsourcing si arricchirà con i informazioni inserite dagli utenti. Il braccialetto registrerà anche quanto stiamo inattivi, i passi e l’attività fisica (l’azienda ci dice che garantirà privacy sui nostri dati). Per inserire le informazioni della giornata si collegherà manualmente alla app di Up il braccialetto attraverso un apposito jack per auricolare.

La missione di Up è ambiziosa: fornire suggerimenti personalizzati, rivelare connessioni tra i diversi elementi della nostra vita, insomma quantificare il nostro quotidiano per migliorarci. Cinque giorni di utilizzo frenetico non sono però sufficienti per cambiare stile di vita. Resta l’ossessione dell’automisurazione. Quella sì, che rischia di cambiarci. Insomma, un vero e proprio “personal trainer” elettronico.

Nella versione “base” possiamo usufruire, di 3 super app:

-Today I Will: l’app Insight di UP fornisce una sezione chiamata “Today I Will” (oggi farò) che vi invita a completare una serie di sfide e di obiettivi nell’arco della giornata. Ci si focalizza principalmente su categorie specifiche (come sonno, movimento e assunzione di acqua)

-Streaks & Milestones: continuando a completare gli obiettivi, la App ricompenserà i vostri sforzi a lungo e breve termine. Dopo aver completato gli obiettivi per una serie di giorni consecutivi, UP apprenderà della vostra striscia vincente e vi aiuterà a celebrare i successi all’interno dell’app.

-Sleep Recovery: gli utenti UP potranno anche beneficiare del rivoluzionario sistema di tracciamento del sonno anche quando dovessero accidentalmente dimenticare di vestire UP durante la Modalità Sonno. L’app identifica, infatti, i periodi in cui l’utente potrebbe essere a letto e invia suggerimenti al Log delle Attività. Basta premere su un suggerimento per confermare l’intenzione di modificare l’evento di riposo.

Il prezzo oscilla da un minimo di 110 euro ad un massimo di 160 euro a seconda del modello e delle funzionalità personalizzate che vogliamo attivare.

Share Button
  • bracciakle

Comments are closed.